Piancastagnaio. Buon inizio della 50^ edizione

crastatone_timbro_poste_2016_150x150

Amiatanews (Marco Conti): Piancastagnaio 30/10/2016
Inizio in sordina, ma dal tardo pomeriggio di ieri, tanta gente alla Festa, con una forte presenza giovanile.
Successo per l’annullo filatelico dedicato e per le degustazioni all’interno della Rocca, tra le opere di Ricardo Carbonell e le foto di Gabriele Forti.
Contrade, Pro Loco, Associazione ex Minatori del Siele e dell’Argus tra i protagonisti assieme all’Amministrazione Comunale che sembra assicurare sotto l’aspetto organizzativo, logistico e della sicurezza, una buona riuscita iniziale della Festa.
Operatori commerciali e turistici hanno dato risposte pronte con i loro servizi

Un po’ di preoccupazione tra le Contrade e tra alcuni degli organizzatori, per la poca gente la sera dell’apertura di Venerdì e la mattinata di ieri, Sabato 29 Ottobre; una preoccupazione, a dire il vero, inutile e, dopo poche sole ore, divenuta pian pianino soddisfazione un po’ per tutti.
Dalle 17 in poi, il tempo di aver fatto mangiare i ragazzi tornati dalla scuola e prendere la via per Piancastagnaio dai propri luoghi di residenza, il flusso dei visitatori a questa 50esima edizione, è stato un costante crescere e le Contrade, punto di riferimento principale per la parte eno gastronomica e ludica della festa, hanno iniziato a vendere le tipiche leccornie culinarie e tanta musica,  riempiendo i propri spazi sempre più fino all’inizio all’una della notte, ora dello stop come da ordinanza comunale.

Nella giornata di ieri, erano concentrati la maggior parte degli eventi paralleli alla Festa, di carattere culturale, artistico e sociale con una serie di inaugurazioni e premiazioni, appositamente concentrate nel Crastatone così da completare l’offerta ai visitatori e agli stessi pianesi. Visite ai giacimenti minerari del Siele, con l’impegno anche presso la propria sede dell’Associazione degli ex Mintaori del Siele e dell’Argus e inizio dell’evento “Rocca, tra Arte e Gusto“, ovvero una serie di iniziative all’interno della Rocca Senese-Aldobrandesca che uniscono, attraverso visite guidate su prenotazione, la conoscenza dei monumenti e della storia di Piancastagnaio, accompagnata da degustazioni, impreziosite dall’esposizione delle opere di Ricardo Carbonel e del sempre presente fotografo locale Gabriele Forti.
Alle 15:00, presso la casina di legno della Pro Loco, l’atteso appuntamento per gli appassionati e collezionisti, con l’annullo filatelico di Poste Italiane dedicato proprio alla 50esima edizione (si era provato, senza successo, a richiedere un apposito francobollo), timbrato sull’apposita cartolina corrispondente al ben noto manifesto del Crastatone, realizzato dal prof. Marco Giubbilei nel 1984, ormai conosciuto e appeso in uffici privati e pubblici, fabbriche e case, anche ben lontane dall’Amiata.
Una sobria e bella cerimonia, quella voluta dall’Amministrazione Comunale, che ha voluto premiare per meriti sportivi, proprio durante il Crastatone, è stata quella dedicata all’atleta judoca di Piancastagnaio Cristina Magini, che sull’Amiata ha fatto ritorno tre mesi dopo una delle sue ennesime vittorie a livello internazionale, quella ai Campionati Europei Master di Porec, in Croazia (puvbblicheremo nei prossimi giorni un servizio a parte con interviste alla campionessa).

Tanta gente anche ai due mercatini di strada, uno nella parte nuova del paese, l’altro all’interno del centro storico, lunga la via centrale. Due belle iniziative che han visto anche delle dimostrazioni pubbliche sul come realizzare una trottola e del sapone in casa, che hanno destato molta curiosità e attenzione.
Musica si diceva, da ascoltare in ogni “chiasso” (piccole piazze) o larghi del centro storico nelle Contrade di Borgo, Castello, Coro e Voltaia, strapiene di gente nelle loro sedi e cantine.  Musica che è divenuta protagonista nella serata, attraverso quella itinerante della ormai onnipresente Leggera Electric Folk Band (band locale) e del coro “La Martinella“, del Clab Alpino Italiano – Firenze, che si è esibita nella chiesa di Santa Maria Assunta (Saxa Cuntaria), parrocchia di Piancastagnaio.

Dunque tanti protagonisti, tra cui le attività commerciali e di accoglienza turistica come alberghi, agriturismi e ristoranti, così come per le tante associazioni di volontariato presenti, per una serata di Venerdì ed un Sabato tranquilli, con una forte presenza di giovani e giovanissimi, che si è svolta in un clima idoneo, da un ritrovato tepore autunnale, dopo la forte tramontana che ha tirato nei giorni scorsi fino a venerdì notte.
Una Pro Loco che ci è sembrata sempre attiva, ed un lavoro di qualità messo in campo dall’Amministrazione Comunale che, ad oggi, sembra aver gestito bene l’ordine pubblico, l’igiene e tutta quella serie di servizi che appaiono nascosti ma che sono alla base della buona riuscita del Crastatone, con obiettivo lo star bene ma anche la sicurezza delle migliaia di persone a cui continueranno a partecipare fino al 1° Novembre.

Print Friendly, PDF & Email
CondividiEmail this to someoneShare on Facebook61Share on Google+0Tweet about this on TwitterPrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *